La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Cerchi spettrali


Ormai siamo quasi alla fine della saga dei cugini Bone, e si vede.
Le atmosfere comiche sono sempre meno, e il loro posto è ormai stabilmente occupato da toni più cupi.

Grazie all’interveno di Fone Bone nel volume precedente, il Signore delle Locuste non è ancora tornato nel mondo. Ma una parte del suo potere lo ha fatto, ed è stato sufficente per porre fine alla guerra tra i monaci e i rattodonti.
Ora monaci e abitanti del villaggio devono cercare un modo per sopravvivere, assieme a Lucius che è stato portato in salvo.

Gli altri invece erano nell’occhio del ciclone, ma in qualche modo sono riusciti a salvarsi passando dal tunnel nella montagna scoperto tempo fa da Fone e Smiley.
Tra l’altro, proprio nel tunnel c’è uno dei passaggi più divertenti del volume… avvicinandosi al tempio, la realtà viene influenzata dai sogni. In questo caso, un sogno di Fone relativo a Moby Dick.
E così Fone si ritrova vestito da marinaio e armato di lancia, mentre Phoney si ritrova una gamba di legno, un solo occhio e un bel barbone da capitano Achab!

A parte questo, comunque, i Bone e le due reali sono inseguiti dall’intero esercito dei rattodonti, mandato sulle loro tracce dall’Incappucciato riportato in vita -se di vita si può parlare- dal Signore delle Locuste.
Ma dopo essere stati toccati dal male, dal Nulla che rappresenta il Signore delle Locuste, Fone e sopratutto la principessa Thorn possiedono dentro di sè un frammento del Signore. E questo gli permette di vagare con sicurezza in una terra che appare illusoriamente monotona e devastata, un paesaggio piatto ricoperto di cenere.
Un’illusione che maschera il reale passaggio, creata dai cerchi spettrali. Bolle di nulla causate dal potere del Signore delle Locuste, che mutano il paesaggio e in grado di uccidere -anzi, di far letterarmente scomparire- chi vi entri. Bolle invisibili, che solo Thorn può distinguere guidando così i compagni lungo uno stretto e pericoloso sentiero sicuro.

E quindi, mentre i Bone -compreso Fone- si rifiutano di credere alla magia dei sogni malgrado gli eventi di cui sono stati testimoni, gli umani si dirigono verso i territori vicini per preparare un’ultima, disperata difesa contro l’avanzata del nemico.
Si riuniranno la nonna e Lucius? Cosa è la corona di spine che Thorn deve trovare? Ricomparirà il drago, salvatore puntuale di Fone? Che cosa combinerà Phoney una volta arrivato in città?

Da segnalare poi una Thorn che, dopo l’attacco delle locuste, oltre a sembrare molto più potente e saggia ha acquisito anche una certa aura di ambiguità. Diverse inquadrature che lasciano dubbiosi, vignette con lei ingobbita col cappuccio sugli occhi… va tutto bene, come sembra suggerire il passasggio sul cimitero dei draghi, o qualcosa dentro di lei comincia a guadagnare terreno?

Non vedo l’ora di scoprire come andrà a finire, questa volta devo proprio ringraziare la Panini per questa ristampa a colori!!
(Certo, poi penso alla ristampa deluxe di Slam Dunk e schiumo dalla rabbia, ma vabbè…)

Annunci

8 marzo 2010 - Posted by | Smith Jeff | , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: