La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Ptolemy’s gate


Autore: Jonathan Stroud
Editore: Miramax Books
Prezzo: € 6,34
Pagine: 501

Le ultime due parti di questo libro -capitolo finale della Trilogia di Bartimaeus- le ho divorate, impiegando così il tempo altrimenti dedicato allo studio. La mia coscienza ringrazia mugugnando.
Effettivamente chi mi aveva preannunciato un libro molto bello aveva pienamente ragione.

Così come per il secondo libro, anche qui ci troviamo sbalzati avanti nel tempo di qualche anno, rispetto all’ultima avventura della saga.
Un balzo di tre anni, per l’esattezza.
Nathaniel è ora Ministro dell’Informazione, fa parte del Concilio. Il suo compito è prevalentemente quello di far credere alla gente comune che la guerra in America sia bella e giusta, e sopratutto che gli inglesi la stiano vincendo. In realtà, ovviamente, gli inglesi stanno prendendo sonore legnate e non avanzano di un passo.
Inoltre si è avvicinato parecchio alla Farrar, visto che i due sono i membri più giovani del Concilio, osteggiati dagli altri e abbastanza privi di alleati. Nathaniel ha diciassette anni, e ovviamente quando è con la collega i suoi pensieri, umanamente, divagano alquanto…

Ora non ha più il solo Bartimaeus al suo servizio, ma conta altri quattro djinn di discreto livello. Bartimaeus però è l’ombra del vecchio djinni spaccone e potente. Nathaniel lo ha convocato pressochè costantemente negli ultimi tempi, e il prolungato soggiorno sul piano materiale ne ha danneggiato gravemente l’essenza. Avrebbe bisogno di un periodo di riposo nell’altro spazio, ma il suo padrone pare riluttante a concederglielo. Dopotutto conosce il suo vero nome, e se qualcuno lo convocasse mentre è libero…

Nathaniel comincia come si era comportato per tutto il secondo libro: un insopportabile e presuntuoso mago inglese.
A movimentare la situazione ci pensano alcune vecchie conoscenze: mr. Hopkins, il mercenario e sopratutto un misterioso traditore. L’unica pecca, volendo, potrebbe essere il fatto che il misterioso traditore fosse chiaro da moltissimo tempo, ma immagino la cosa fosse voluta… del resto non è la sua identità a sconvolgere, ma il suo piano.
E che piano! Folle, geniale, malvagio, potenzialmente distruttivo su livello globale.

Ovviamente solo Nathaniel potrà opporsi a tale piano. Nathaniel, Bartimaeus e Kitty, rimasta a Londra e vissuta in questi anni facendo da assistente a un mago.
Tutto per via della coversazione con Bartimaeus, e per la curiosità di saperne di più sul ragazzino egizio.

Tolomeo.
L’unico mago ad essersi fidato di un djinni, ad aver rinunciato alle protezioni magiche con lui, ad averlo trattato come un suo pari. Il mago che voleva abolire la schiavizzazione dei djinni, elevare a un nuovo livello le interazioni tra umani e demoni.
L’unico mago ad aver seguito i demoni sul loro piano e a essere tornato.

Nathaniel e Kitty evolvono enormemente durante la lettura, Bartimaeus ha anche più spessore del solito visto che senza il suo solito potere resta il suo nucleo, la sua vera essenza. Scopriamo la storia di Tolomeo, con mia enorme gioia.
E sopratutto, c’è un bellissimo finale, di quelli che piacciono a me.

Un ottimo libro, superiore ai due libri precedenti. Per una volta non è un’esagerazione del marketing la scritta che campeggia in quarta di copertina, “A potent ending”.
Mi sento già un poco orfano di Stroud… quando finirò il vagone di libri in attesa, correrò a prendermi l’ultimo libro dell’autore.

Voto: 8/10

Annunci

7 agosto 2009 - Posted by | Stroud Jonathan | , , , , ,

5 commenti »

  1. Hai alzato il voto, come da previsione 😉

    Commento di Valberici | 7 agosto 2009

  2. Davvero bello! 🙂
    E che bel finale!!!!!

    Commento di tanabrus | 7 agosto 2009

  3. Il finale, onestamente, non mi è piaciuto moltissimo.

    Commento di CMT | 7 agosto 2009

  4. Che ci vuoi fare, sono un romanticone. Un lieto fine come questo è il mio preferito 😉

    Commento di tanabrus | 7 agosto 2009

  5. […] last siege 2003 – L’amuleto di Samarcanda 2004 – L’occhio del golem 2005 – La porta di Tolomeo 2009 – La valle degli eroi 2010 – L’anello di […]

    Pingback di L’anello di Salomone « La torre di Tanabrus | 14 aprile 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: