La torre di Tanabrus

Did you miss me?

I bastardi gentiluomini

Come qualche giorno aveva annunciato Alberto nei commenti al secondo libro di Lynch, I pirati dell’oceano rosso, la Nord al momento non è intenzionata a pubblicare i futuri libri della saga dei Bastardi Gentiluomini.

A quanto pare, i primi due libri non hanno riscosso sufficente successo presso il pubblico e l’editore, che giustamente fa il proprio interesse, ha tagliato la serie.
Peccato, perchè la serie è ottima e innovativa… una volta tanto che non c’è il solito fantasy stereotipato o ridicolo, non viene accolto bene dal grande pubblico e così lo perdiamo.

Poco male per quello che mi riguarda, lo leggerò in inglese.
A proposito, la data di uscita di questo terzo volume intanto continua a slittare… ora si parla di marzo 2010. Pare che sarà molto più complesso dei primi libri, e che questa cosa assieme a dei problemi dell’editor di Lynch abbiano allungato parecchio i tempi.

Comunque, penso che la Nord avrebbe potuto cercare di reclamizzare maggiormente questi libri.
I pirati dell’oceano rosso è uscito senza alcun annuncio, da un giorno all’altro, e solo per caso lo abbiamo scoperto (e penso che chi è appassionato di fantasy e frequenta siti e blog a tema sia anche molto informato sulle uscite… figuriamoci i lettori “comuni”!)
Gli inganni di Locke Lamora potevano essere pubblicizzati di più.

Non ci sono i soldi della Mondadori, che pubblicando un’esordiente può permettersi paginoni sui giornali? Ok, ma su internet la cosa era fattibile.
Contattare i siti e gli appassionati italiani dandogli la notizia, magari rilasciando in anteprima ai siti qualche informazione: copertina, un capitolo o due da leggere come è stato fatto per i libri della Romagnoli, con quella che reputo un’ottima iniziativa… o magari, come è stato fatto ultimamente su ibs, pubblicare qualche pagina, aspettare brevi commenti e dare ai primi commentatori una copia a un prezzo simbolico. O anche a 5 euro, o a 10. Invogliare, comunque. Confidando nell’effetto catena: leggono, commentano favorevolmente, ne parlano in rete, coinvolgono altri…

Sarebbe ora che puntassero di più, le case editrici, sulle possibilità di pubblicità offerte da internet. Pubblicità più economica, e che raggiunge quasi di sicuro chi è appassionato del genere (e quindi probabile acquirente).

Chiudo segnalando l’uscita del secondo libro della Strazzulla, come segnalato dal  Duca

Le informazioni lette sul sito dell’Einaudi non è che mi facciano pensare molto bene del libro: Fortezza inespugnabile, terra Folletta (abitata da venditori porta a porta, costretti a tentare di vendersi a vicenda aspirapolveri poichè le altre razze li hanno esiliati in quella terra desolata, stufi delle loro pressanti richieste), terra Nana (piena di bonsai?), Compagnia dei peggiori (che mi richiama alla mente le discussioni sulla Confraternita dei Mutanti Malvagi) e sopratutto l’elenco dei personaggi, che identificati da un aggettivo (burbero, polemico, focoso…) mi fanno pensare a personaggi totalmente piatti.

Cosa c’entra la Strazzulla con Lynch?
Niente, solo che oggi ho avuto la conferma che uno non sarà pubblicato in Italia e l’altra invece ha pubblicato il secondo libro.
Non penso che le vendite dell’Einaudi siano state superiori a quelle di Lynch per la Nord, quindi immagino la differenza stia nei diritti da pagare all’editore americano di Lynch.

Peccato, Lynch di sicuro meritava di essere letto.

26 giugno 2009 Posted by | Lynch Scott | , , | 19 commenti