La torre di Tanabrus

Did you miss me?

The amulet of Samarkand


Autore: Jonathan Stroud
Editore: Hyperion Books
Prezzo: € 8,74
Pagine: 462

Dopo aver cercato invano questo libro, il primo della Trilogia di Bartimaeus, in italiano -risultava sempre irreperibile- me lo sono preso in inglese. Risparmiando, immagino, e non soffrendo affatto visto che la scrittura di Stroud è abbastanza semplice.

Siamo in un’Inghilterra alternativa.
In questo mondo la magia esiste da sempre, e la storia del mondo è stata fatta dalla magia.
I faraoni egizi, re Salomone, l’Impero Romano… tutti i grandi regni hanno visto l’impiego della magia. In massiccie dosi.
E siamo nell’epoca moderna, al giorno d’oggi. Il libro immagino rientri quindi nell’urban fantasy, anche se le atmosfere mi facevano sempre pensare a una sorta di Inghilterra magica Vittoriana, non so perchè. Mi dovevo sforzare di ricordarmi che si era nell’epoca moderna, ma a volte era dura.

Urban fantasy, allora. Che tratta di magia, è il tema portante.
Che tipo di magia?
La magia dei Guardiani Russi? Dei maghetti Potteriani? Degli investigatori soprannaturali che si muovono tra vampiri e licantropi nelle tante serie urban fantasy gialle?
No. E’ una magia diversa. Intrigante.
Direi che questo tipo di magia è uno dei punti di forza del libro.

Perchè i maghi hanno un solo potere: sono in grado di evocare e comandare -seguendo determinati rituali- creature di altri piani. Demoni, potremmo chiamarli, anche se vanno dagli imp ai djinni a creature Lovercraftiane.
Solo questo potere. Sono le creature schiavizzate da questi maghi, poi, a compieree magie. Creature intrappolate in dischi di metallo fungono da spie rendendo i dischi degli strumenti per scrutare; creature imprigionate in medaglioni sono costrette a proteggere il loro padrone….
Un tipo di magia che non dà alcun vero potere agli umani se non quello della conoscenza, e che li rappresenta come enormemente meschini.

Il protagonista del libro è Nathaniel, un giovane apprendista mago. Il suo maestro è un mago di poco conto, assegnatogli quando il bambino è stato scelto per divenire mago, che lo ritiene un idiota e non ne sa riconocere l’enorme talento. Così Nathaniel studia da solo i libri del maestro, e quando un ospite lo ridicolizza davanti a tutti decide di vendicarsi.
E da solo, evoca un djinni. Abbastanza potente, e molto furbo.
Bartimeus.

Gli assegna come compito quello di rubare a Lovelace, il mago che lo ha umiliato, un medaglione appena ottenuto: l’amuleto di Samarcanda.
Non sa cosa sia nè quale sia il suo valore, sa solo che mentre lo spiava con un disco che si era costruito aveva visto un inquietante individuo, sporco di sangue, consegnarlo a Lovelace in cambio di denaro.
Il piano del ragazzo era semplice. Rubare l’amuleto, nascondendolo tra gli oggetti del maestro per evitare che venisse trovato; trovare le prove del furto compiuto da Lovelace; denunciarlo e vendicarsi.

Le cose però si mettono male fin da subito, prima con Bartimeus che si scontra con difese potentissime per impossessarsi dell’oggetto e successivamente con la scoperta di una vasta cospirazione facente capo a Lovelace, che pare intenzionato a uccidere il Primo Ministro per prenderne il posto.
In Inghilterra infatti i maghi sono al potere, e occupano le cariche di governo.
Gli altri, i comuni, vivono a un livello inferiore, trattati come plebaglia insignificante. E ovviamente non ne sono contenti, tanto che è sorto un movimento di resistenza che ruba oggetti magici e si prepara a colpire i padroni della nazione.

Nathaniel, per uscire da questa situazione nella quale si ritrova invischiato, trova il modo di vincolare al suo desttino Bartimeus. Il demone è così costretto ad aiutare per giorni il ragazzo, a tenerlo in vita togliendolo dai pericoli… fino a quando non si arriva allo scontro finale.

Una lettura piacevole e scorrevole, mi è piaciuta la divisione dei capitoli in capitoli incentrati su Nathaniel e capitoli dedicati a Bartimeus.
Ben fatti anche i personaggi. Nathaniel che sprizza talento da tutti i pori e vorrebbe vedersi apprezzato, Nathaniel che per orgoglio perde tutto e sopratutto l’affetto dell’unica persona che gli volesse bene. E reagisce cercando la vendetta, invece di ammettere le proprie responsabilità. E’ abile, ma non può competere con alcun mago adulto (non è un ragazzino superiperpotente, per fortuna). Non sa nulla della vita al di fuori della casa dove ha sempre vissuto.

Bartimeus invece è “uomo” di mondo. Ha visto imperi sorgere e cadere, ha combattuto per millenni agli ordini di maghi umani. E’ enormemente furbo e acuto, qualità che compensano il suo non essere un djinni di massimo livello.
E’ ironico e sarcastico, ed è lui a darci la maggior parte delle informazioni sui maghi, sulla storia, sulla magia.
Ed è anche lui a fare praticamente tutto il lavoro.

Nathaniel è idealista e sognatore, Bartimeus è pratico e sbrigativo. Un’ottima coppia.

In alcuni momenti temevo che gli eventi prendessero una piega scontata, invece la storia è rimasta sempre abbastanza originale.

Lati negativi… non mi convince il metodo di reclutamento degli apprendisti maghi, per cominciare. Come non mi piace il maestro Underwood, sembrava quasi fatto apposta per far crescere Nathaniel solo quasi quanto Harry Potter.
Non sono riuscito a calarmi nell’atmosfera “moderna”, e continuavo a visualizzare il libro in un’epoca vittoriana. Probabilmente perchè i riferimenti tecnologici erano pochi, purtroppo.
Ovviamente tutti i maghi adulti cadono nel trucco da prestigiatore di Lovelace e guardano la mano che gesticola mentre l’altra prepara il trucchetto.

Il finale in compenso mi ha convinto, un finale che sembra far prevalere il punto di vista di Bartimeus su quello di Nathan.

Voto: 7/10

Annunci

10 marzo 2009 - Posted by | Stroud Jonathan | , , , , , , ,

13 commenti »

  1. Ora passa al successivo…e calcola che qui siamo in crescendo, a differenza di Goodkind 😉

    Commento di Valberici | 10 marzo 2009

  2. Io ho letto solo questo e mi è piaciuto tanto. Ho trovato irresistibile l’atmosfera e le note a piè di pagina di Bartimeus. 🙂
    Cmq è davvero strano che non tu non sia riuscito a trovare una copia italiana… è edito da Salani!

    Commento di Stefano Romagna | 10 marzo 2009

  3. @ Stefano: Lo so, anche a me è parso assurdo! Ma quando, cercando su ibs, ho trovato che era irreperibile me ne son lavato le mani e l’ho preso in inglese.
    Le note di Bartimeus sono meravigliose! 😀

    @ Val: Eh si, quando riuscirò a far fuori la coda di libri in attesa mi procurerò anche i restanti due libri di Bartimeus 😉

    Commento di tanabrus | 10 marzo 2009

  4. Come al solito la maggior parte delle tue recensioni mi incuriosisce sempre e mi spinge a pensare “se lo trovo ‘sto libro, me lo piglio”…

    Questo volume pare intrigante…
    Ma il metodo di richiamo e utilizzo dei demoni fa molto “pokèmon”…

    Per la serie: “Bartimeus, scelgo te! Utilizza il colpo Rubamuleti!!”

    😀

    Commento di sommobuta | 10 marzo 2009

  5. 😀

    No, no… sono coinvolti precisi rituali, pentagrammi, rune.
    Se il mago commette il minimo errore, il demone evocato se lo mangia.

    Se invece il mago è astuto come Nathaniel, il demone finisce “legato” al padrone per il tempo che questo reputa necessario.
    E più un mago è forte, più demoni (e di maggior forza) avrà al proprio servizio.

    Commento di tanabrus | 11 marzo 2009

  6. Adoro Bartimeus. Secondo me è una storia fantastica. Ho letto la trilogia un due anni fa, e ancora la ricordo con nostalgia. Ti consiglio di leggere anche i due libri successivi (mi sono piaciuti tutti uno più dell’altro). Mi ha divertito, mi sono legata ai personaggi, mi ha fatto sorridere e appassionare, e, come se non bastasse, mi ha dato molto su cui riflettere. Insomma, una delle saghe che più mi sono rimaste dentro. Mi hai messo voglia di rileggerla 🙂

    Commento di Nick Truth | 11 marzo 2009

  7. A me questo romanzo è piaciuto moltissimo, più che altro per l’atmosfera che Stroud riesce a creare e lo stile. Le note a piè pagina di Bartimeus poi sono esilaranti!
    Ti consiglio di leggere anche gli altri due, noterai che oltre ad un’ambientazione più accurata, molte altre cose vengono spiegate in maniera approfondita e meno superficiale =)

    Commento di LucaCP | 11 marzo 2009

  8. @ Luca e Nick: eccerto che finirò di leggere la trilogia!
    Ma prima finisco i libri in coda… ho cominciato ieri un libro di Murakami.

    Commento di tanabrus | 11 marzo 2009

  9. Semplicemente meraviglioso, il primo fantasico libro di una trilogia sorprendente e unica nel suo genere.
    Stroud è un tessitore delicato e geniale di storie ed emozioni, vedrai di cosa è capace! 😛

    Commento di mirtillangela | 11 marzo 2009

  10. Il primo libro è molto bello ma a mio parere un po’ sottotono rispetto a quello che verrà poi… che dire… aspetta il terzo aspetta il terzo ^_^

    Commento di GuRpS | 11 marzo 2009

  11. Oddio, mi state mettendo ‘na voglia assurda di leggermi il prima possibile gli altri due libri!!!! 😀

    Commento di tanabrus | 11 marzo 2009

  12. Questo è davvero un signor libro. Stupendo. Bartimeus mi ricorda un po’ Mad Dog, potrebbero andare d’accordo XD

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 11 marzo 2009

  13. Concordo con GuRps, il secondo non è brillantissimo, ma è solo la quiete prima della favolosa tempesta di eventi ed emozioni del terzo e ultimo libro. 😛

    Commento di mirtillangela | 12 marzo 2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: