La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Pescare nel torrente


Qualche giorno fa avevo parlato di avere in mente un post sul torrent, eccolo qui.

Perchè questo post, che in molti nemmeno leggeranno visto che spiegherà due-tre nozioni ben note? Perchè il torrente fa paura. Fino a qualche mese fa io ne ero terrorizzato, ad esempio.
Venivo dal mondo dorato di Emule, erede dei vari Napster, Winmx, Kazaa. Un unico programma di file sharing, che te scaricavi e installavi. Se volevi fare il figo smanettavi un poco con le impostazioni per andare più veloce, ma una volta impostato dovevi solo aprirlo, collegarti a un server, scegliere cosa scaricare e farlo partire.
Tutto intuitivo, tutto semplice, tutto automatico.

E il torrent? Decine di programmi per scaricare questi file, nessun motore di ricerca nel programma, tutto diverso… perchè buttarmi in questa cosa strana quando il mulo mi funziona come sempre?

Poi invece il mulo ha cominciato a impuntarsi e scalciare, i file non si trovavano più bene come un tempo… a questo punto ho deciso di tentare il grande passo. Ed eccomi qui a divulgare il verbo del torrente, per cercare di mostrare a chi ne fosse intimorito quanto in realtà il torrente sia amichevole, semplice, facilissimo.

Per prima cosa, va scaricato un programma. Io consiglio utorrent, uno dei più leggeri ed efficienti.
Lo scaricate e lo installate, e fin qui tutto regolare. Durante l’installazione vi chiederà se associare i file torrent al programma, accettate.
Poi lo fate partire, e anche qui tutto bene.

Avete il programma, ora, ma che ve ne fate se non gli fate scaricare i files?
Dobbiamo andare a caccia dei files, adesso.

Non c’è il motore di ricerca interno, in compenso ce ne sono tantissimi online, su internet.
Potete andare su Mininova, o nella Baia dei Pirati, o semplicemente aprire Google e digitare il nome del file che volete cercare seguito da “torrent”… in questo ultimo caso otterrete dei link ai singoli files torrent, come li avreste ottenuti andando sui motori di ricerca.

Ma conviene cercare sui motori di ricerca: avrete più risultati, potrete vedere i commenti degli altri utenti, vedere quanti stanno condividendo –seeds– e quanti stanno scaricando –peers-. Ovviamente più seeds ci sono (le fonti, insomma) più velocemente scaricherete. Più seeds e peers ci sono, e più il file sarà buono.
Tendenzialmente i fake hanno una manciata di seeds e peers, quelli buoni centinaia o migliaia.

Cliccando sul nome  del file andrete alla sua scheda: i dati del file, i commenti, i ringraziamenti, la descrizione data dal creatore. Cliccando invece sulla freccia bianca racchiusa in un quadrato verde, subito a sinistra del nome, farete partire il download del file torrent.

Questo download farà aprire, se non è già aperto, il programma legato ai file torrent -utorrent, nel nostro caso- e scaricherà il link al file nel programma.
Una finestra vi mostrerà i file che state per scaricare, chiedendovi conferma. E’ utile perchè in questa finestra vedrete tutti i file racchiusi nel file che avete deciso di prendere. Ad esempio se scaricate il cd degli Steel Novo, nella finestra vedrete le varie traccie audio che compongono il cd, i file .jpg e magari dei files di testo. Potete scegliere di scaricare solo alcuni di quei files, se volete.
Comunque una volta accettato il download, il file compare nel vostro utorrent e comincia a cercare di inserirsi nel flusso del torrente, formato da una catena enorme di terminali che si scambiano frammenti di file. Un’attesa solitamente molto breve, qui non ci sono “crediti” come col mulo… e se state scaricando qualcosa abbastanza nuovo e “di tendenza” come ad esempio il film del Nido del Cuculo che tutti stanno scaricando, vedrete il download andare a velocità folli.

E questo è più o meno tutto.

Nelle impostazioni potete scegliere le cartelle nelle quali buttare i files scaricati e i files che state scaricando (occhio, questi files li vedreti come già completi ma finchè non sarà finito il download non funzioneranno).
Invito poi tutti quanti a non cancellare\spostare i files scaricati. Non subito, almeno. Sarebbe buona norma aspettare che l’indicatore “rapporto” di utorrent (è una delle colonne) indichi almeno 1. Che vuol dire, pressappoco, “ho scaricato il file, l’ho fatto scaricare ad almeno un’altra persona”. Questo ovviamente per i file che la gente vuole. Per il telefilm “nuovo”, per il film atteso, per il cd che sta roccheggiando alla radio. Non è che se scaricate la bibliografia di Frate Indovino dovete aspettare che qualcuno mosso a compassione downloadi da voi fino a portarvi il rapporto a 1 😉

Concludo con un consiglio per le serie tv, che immagino siano una delle principali fonti di interesse verso il torrente.
Sull’ottimo sito EZTV trovate la lista degli spettacoli trasmessi in America giorno per giorno, i rating (se vi interessassero) e sopratutto ogni mattina trovate i torrent dei programmi trasmessi la sera precedente. Di buonissima qualità.
Sono in inglese, ovvio, ma per i sottotitoli ci sono i siti di quella santa gente che passa ore a tradurre, controllare e sincronizzare i dialoghi per consentirci di scaricare i files di sottotitoli. Siti come SubIta, ad esempio. Vi registrate al sito, dopodichè potrete scaricare i sottotitoli delle vostre serie preferite. O del discorso di Obama, dei film, degli anime… magari poi è buona educazione lasciare un ringraziamento a questi folli sottotitolatori nei commenti del file.

Se non sapeste come utilizzare i sottotitoli: aprite con VLC un file video, poi chiudete che la cosa che interessa è avere vlc attivo.
Andate su File -> Apri file.
Inserite il percorso del file video che volete vedere, poi sotto barrate la casella “opzioni sottitoli” e cliccate su Impostazioni. Nella finestra che si apre inserite il percorso del file dei sottotitoli, poi accettate il tutto.
Come per incanto ecco il telefilm con i sottotitoli.

Buona pesca!

Annunci

1 marzo 2009 - Posted by | Altro | , ,

9 commenti »

  1. A me il mulo funziona tanto bene XD

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 1 marzo 2009

  2. Idem come sopra ^___^

    Commento di CMT | 1 marzo 2009

  3. Se provate il torrente, non tornate più indietro 😛

    Commento di tanabrus | 1 marzo 2009

  4. Senti Tanabrus, sai per caso perché Sharereactor non funge?

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 1 marzo 2009

  5. Sei un geniaccio, grazie!

    Commento di Aò! | 1 marzo 2009

  6. No, solitamente uso Mininova o la Baia per cercare i files…
    ho provato a fare una rapida ricerca, ma ho ottenuto informazioni solo relativamente ai problemi del 2004 (le autorità svizzere lo avevano bloccato) e del 2006 (il proprietario aveva venduto il dominio).

    Commento di tanabrus | 1 marzo 2009

  7. L’avranno di nuovo chiuso. Conosci altri siti come quello per i file da scaricare con emule?

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 1 marzo 2009

  8. http://www.dduniverse.net

    Almeno, tempo fa usavo questo io.

    Commento di tanabrus | 1 marzo 2009

  9. Io coi torrent ho un rapporto di odio/amore.
    E’ vero che alcuni files si scaricano a velocità buone…ma è anche vero che altri file impiega un’eternità a scaricarli…

    Io ormai sono votato all’utilizzo di siti sharing quali megaupload e rapidshare.

    Un paio di download manager craccati e modificati e non si hanno problemi di limite di tempo…oltre che di banda,dato che si scarica sempre al massimo! 😉

    Commento di sommobuta | 2 marzo 2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: