La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La spada della verità – libro terzo


Autore: Terry Goodkind
Editore: Fanucci
Pagine: 612
Prezzo: € 11,90
La trama

Richard ha deciso di raggiungere l’amata Kahlan, regina della Galea, che sta tornando verso Ebinissia con l’intenzione di ricostruirla per poi governare la sua nuova patria. I piani di Richard vengono però sconvolti dall’entrata in scena di due temibili nemici, alleati tra loro, si tratta dell’Ordine Imperiale, l’esercito guidato dal misterioso Jagang, che vuole sottomettere il mondo intero, e della Stirpe dei fedeli condotta dal generale Tobias Brogan, un uomo che odia la magia al punto di volerla estirpare per sempre, poiché la considera il mezzo con il quale il Guardiano del mondo sotterraneo influenza il mondo dei vivi.

La saga continua

Ovviamente per leggere questo libro è indispensabile aver letto i volumi precedenti. Infatti tutto comincia con Richard ad Aydindril, pronto a partire con Gratch per riunirsi con Zedd e Kahlan.
Ma le cose prenderanno una piega inaspettata.
Prima Richard viene raggiunto dalle Mord Sith che, nel precedente volume, si erano dichiarate sue guardie del corpo. E poi decide di seguire il suo istinto.
L’Ordine è il male, e va sconfitto per salvare le Terre Centrali. Ma un’unione di stati non può più funzionare, il Consiglio ne ha sancito la fine.
Richard così accetta i panni di Maestro del D’Hara e si mette alla testa delle sue truppe riconquistando immediatamente la città e dichiarando che il D’Hara avrebbe unificato sotto il suo dominio tutte le Terre Centrali, allo scopo di distruggere l’Ordine.
L’Ordine intanto si muove partendo dal Vecchio Mondo, con l’Imperatore Jagang deciso a dominare il mondo intero quasi in eterno.

I nemici

I nemici sono la nota dolente di questo libro. Se nel primo c’era Darken Rahl e nel secondo il Guardiano stesso, adesso i nemici sono essenzialmente due.
Brogan è un pazzo completo, una persona con il dono con deliri di onnipotenza e che odia chi ha il dono, oltre ad avere un rapporto assurdo ed incestuoso con la sorella Lunetta. Poco più di una macchietta, che ha l’unico pregio di avere un buon intuito che gli consente di intuire la verità su Kahlan. Niente a che spartire con i Figli della luce Jordaniani cui i Fratelli si rifanno palesemente.
Jagang ha armate enormi che non esiterà a far sciamare nel nuovo mondo, immagino. Ma è sopratutto un tiranno dei sogni, ha il potere di muoversi nei sogni delle persone e di controllare chi ha il Dono. Il suo scopo è di distruggere tutta la magia, così da tenere lontano il Guardiano e poter dominare incontrastato sul mondo intero per sempre. Per fare ciò, ovviamente, conta di stabilirsi al Palazzo dei Profeti, per poter usufruire della sua bolla temporale.
Ci sarebbe poi Valdora, la venditrice di focacce cacciata dal Palazzo dei Profeti e che vuole solo vendicarsi sulle Sorelle, ma a parte essere molto sadica non ha granchè da dire.
Nemici di poco conto, alla fin fine. Che rendono questo terzo volume poco più che un volume di passaggio.

I punti positivi

In compenso scopriamo molte cose sul passato delle Terre, cose interessanti.
Scopriamo l’origine dei Mriswith, e scopriamo l’origine dei Grag.
Scopriamo l’origine del legame dei D’Hariani e il suo scopo.
Scopriamo qualcosa in più sulla grande guerra di magia che era scoppiata 3000 anni prima.
Cose interessanti se si vuole capire meglio l’ambientazione ed il suo passato, e magari originali. Ma non abbastanza per tenere il libro al livello dei precedenti.
E di buono c’è anche come Richard si muove nella politica (anche se alla fine si torna sempre al deus ex-machina degli incantesimi inconsci per risolvere la situazione. Che palle).

Ja’La

Un’ultima cosa sul Ja’La.
Capisco che l’Imperatore possa aver pensato anche lui al “panem et circensem”, anche se con poco pane. Ma perchè mai il circensem deve essere una sorta di sport con la palla iperviolento? E a squadre, con un calendario, con le fan… una cosa vomitevole.
Posso accettare il “calcio medioevale” nei libri di Feist, ha un senso visto che viene fatto da ragazzi quando ne hanno l’occasione. Ma questo è una cosa ridicola…

Voto: 2/5

Annunci

8 dicembre 2008 - Posted by | Goodkind Terry | , , , , , , ,

1 commento »

  1. Come ti avevo detto sta “calando” 😉

    Commento di Valberici | 8 dicembre 2008


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: